Itinerari

Itinerari

Il borgo di Torre Orsina

Il borgo di Torre Orsina

TORRE ORSINA è un delizioso borgo della Valnerina ternana, adagiato sulla sommità del colle Santa Maria a cui fanno da corona suggestivi panorami.  La storia di Torre Orsina inizia con la costruzione di una torre d’avvistamento che il Comune di Spoleto fece edificare per sorvegliare questa parte del suo territorio(1270). Questo fortilizio identificò il luogo, che infatti si chiamò “Torre” fino alla seconda metà del ‘500.(Con la signoria degli Orsini il toponimo diventa “ Torre Orsina”).  Intorno al piccolo nucleo originario, funzionale al controllo del fondovalle e del fiume Nera, si dispose, durante il XIV secolo, il centro abitato. Il nucleo medievale, con i suoi vicoletti e archi, rimasto inalterato, si arricchì tra il ‘500 e il ‘700 di edifici gentilizi. Sulla piazza situata fuori della bella porta urbica, prospetta l’elegante chiesa tardo rinascimentale di Santa Maria Assunta; la ornamentale fontana del XIX secolo è stata recentemente ricostruita dopo che era stata distrutta, come si legge nella iscrizione che reca.  Al di là della porta, sullo sfondo campeggia il raffinato Casino Manassei, con l’orologio a sei ore che scandisce ancora il tempo del borgo.

TORRE ORSINA merita una visita non soltanto per le belle testimonianze architettonico-artistiche del suo passato, ma anche perché qui si trova il “Parco DE FELICE”.  Aurelio De Felice(1915-1996), uno dei più importanti scultori (ma fu anche pittore e poeta) del Novecento, nacque a Torre Orsina dove lavorò al lungo nella sua casa-studio(situata sul colle che De Felice decantava come “il colle del mio Infinito”). In un giardino antistante alla casa, è allestito un Museo all’aperto in cui sono esposte copie di alcune sue celebri sculture e in cui è collocata la fontana disegnata dall’artista. E’ un luogo suggestivo anche perché da qui lo sguardo spazia sulle bellezze della Valnerina, tra cui la Cascata delle Marmore e il borgo di Collestatte.

Il “MUSEO d’ARTE MODERNA e CONTEMPORANEA” presso il CAOS di Terni, oltre ad essere intitolato ad Aurelio De Felice, ospita un intero spazio espositivo dedicato ai lavori di questo straordinario artista (sezione Aurelio De Felice).